image created by "kevinml07"

È necessario conoscere il passato per capire il presente e prevedere il futuro”

(V.G. Belinsky)

 

Prefazione

Come hai già intuito dalla saggia affermazione di un certo Belinsky, per comprendere il presente e prevedere il futuro, devi conoscere e comprendere il passato, in altre parole, la storia. Applicando questa perla di saggezza al nostro topic – PIVX, voglio condividere un breve ma molto interessante excursus sulla storia del denaro e come siamo arrivati a questo punto.

Come è iniziato tutto?
Tutto ebbe inizio tanto tempo fa. Non è nemmeno possibile determinare esattamente quando, ma secondo gli storici, tutto è iniziato nell’era della caccia e della raccolta, una persona, a quei tempi trascorreva la maggior parte della sua vita proprio in queste occupazioni. Uno cacciava un coniglio e l’altro un cinghiale. E se uno avesse avuto bisogno di pelliccia di coniglio e l’altro avesse avuto bisogno di carne di cinghiale? Sì, è proprio così che è apparsa la prima forma di trading: il baratto. Le persone potrebbero scambiare le loro prede se lo scambio fosse vantaggioso per entrambe le parti. Tuttavia, il baratto non era molto diffuso, poiché presentava numerosi svantaggi: 1. Era difficile scambiare ciò di cui nessuno aveva bisogno. 2. Era difficile far concordare tutti nel caso il baratto consisteva in uno scambio tra tre, quattro o più persone. Come posso scambiare carne con pane se chi ha il pane non ha bisogno di carne, ma ha bisogno di vestiti? Tuttavia, non ho vestiti extra, non posso privarmi dei miei? Soprattutto non lavati 🙂 Quindi dovevi cercare qualcuno che era disposto a scambiare carne con i vestiti, per poi questi ultimi scambiarli per il pane. Abbastanza confuso vero?

Divisione del lavoro
Circa 10 mila anni fa, iniziò ad apparire l’agricoltura (vale a dire agricoltura e bestiame), questo cambiò radicalmente il sistema commerciale e nacque la specializzazione. Qualcuno allevava mucche, qualcuno coltivava grano e così via. Tuttavia, questo metodo aveva anche un grande svantaggio: la valutazione del valore. Era impossibile scambiare una mucca con 1 sacco di miglio poiché una mucca costava 10 sacchi di miglio. Quindi entrambe le parti spesso non avevano un modo per giungere ad un accordo per lo scambio.

Primo denaro come mezzo di scambio
Questo problema è stato presto risolto. Iniziarono a comparire i primi soldi, che potevano svolgere le funzioni di misurazione e scambio di valore. Ma non erano i soldi che intendiamo ora. Secondo gli storici, il primo denaro per lo scambio di valore furono le conchiglie di Cowry, comuni in Africa e in Asia. Inoltre, sarai interessato anche al fatto che, le prime banche sono apparse in Mesopotamia. Le persone potevano portare la loro ricchezza a queste banche come risparmio o per il commercio. Fu allora che nacque la necessità di registrare la storia di tutte le transazioni e, di conseguenza, ciò portò alla comparsa dei primi libri o registri. Tuttavia, conchiglie e altri soldi similari di quel tempo, avevano un grande svantaggio: potevi trovare tutte le conchiglie che volevi, essendo quindi il loro numero in costante aumento, anche il loro valore era in costante diminuzione. Questo dovrebbe ricordarci qualcosa …

È arrivato il turno delle Monete
Secondo fonti storiche, i primi a usare le monete furono i Lidi, i quali vivevano nell’Antica Grecia. Dopo circa 500 anni seguirono altre città greche, tra cui Atene. Le monete iniziarono ad avere valore e iniziarono a diffondersi per i seguenti motivi: 1. Erano principalmente in oro e argento. Dobbiamo ammettere che è difficile trovare l’oro sulla stessa spiaggia dove si trovano le conchiglie. 2. Per quel tempo, la moneta era molto difficile da falsificare, poiché era coniata con un disegno speciale (volto del capo di stato) o stemma – un simbolo che forniva una garanzia di valore. In questo modo, siamo giunti alla conclusione che la transizione alle monete ha portato al controllo del denaro da parte del sovrano dello stato, portando la fiducia dei cittadini nei confronti del denaro ad aumentare. Tuttavia, anche le monete hanno il loro difetti. Erano costose da produrre ed erano pesanti e voluminose per lo stoccaggio e il trasporto.

Il tempo carta moneta
Tutto è iniziato con i cinesi nel 100 a.C. C’era un modo per non portare con sé pesante denaro, potevi metterlo in una banca e la banca, a sua volta, ti avrebbe dato una ricevuta attestante quanti soldi avevi depositato. Questa ricevuta è diventata la prima banconota. Il sistema si basava sulla convinzione che una ricevuta potesse essere scambiata con qualcosa di prezioso. Nel 13° secolo, il famoso marinaio Marco Polo portò carta moneta in Europa, e già nel 17° secolo, c’era la pratica di usare le ricevute come titoli garantiti dall’oro. È interessante notare come tra loro le persone, hanno scambiato solo queste ricevute e non le hanno scambiate con oro. Proprio a questo proposito, le banche europee hanno iniziato a emettere banconote per un valore maggiore di quello dell’oro che conservavano a garanzia di tali banconote, suggerendo che i clienti non avrebbero mai chiesto indietro il loro oro tutti nello stesso momento. Ti ricorda qualcosa?

Oggi
Nel 20° secolo, nella maggior parte degli Stati, la carta moneta ha smesso di essere garantita dal corrispettivo valore in oro o qualsiasi altro metallo prezioso e l’unica garanzia è quella fornita dello Stato emettitore. Secondo le statistiche (non verificate), attualmente, l’importo totale del denaro è di circa 70 trilioni di dollari:  6 trilioni in contanti e il resto sotto forma di numeri sui server delle banche, che utilizziamo per gli acquisti online.

Futuro. Bitcoin e PIVX
Non racconterò la storia della comparsa di Bitcoin. Saprai già tutto. Posso solo dire che è stato inventato come una valuta decentralizzata, trustless (non è necessario stabilire la fiducia tra le parti), peer-to-peer (senza intermediari), piuttosto veloce negli scambi, transfrontaliera e soprattutto con un’offerta massima di monete fissa. Bitcoin ha un valore (viene estratto dalla potenza di calcolo del computer con relativo consumo energetico, ha una supply fissa di 21 milioni di monete), Bitcoin non dipende dalle politiche statali. Per questi e altri motivi, Bitcoin in pochi anni si è trasformato da un esperimento, a un popolare mezzo di scambio di valore.

PIVX è progettato per risolvere i problemi che ha Bitcoin, vale a dire facilità d’uso, velocità e commissione delle transazioni, oltre a consentire agli utenti di mantenere la loro privacy.

Ora che hai conosciuto brevemente la storia del denaro, capirai meglio perché stiamo costruendo PIVX, una valuta costruita su una comunità che crede in Transazioni Private, Istantanee e Verificate. Una comunità che crede nella vera decentralizzazione e nella libertà di riservatezza.

E una volta che conosci la storia, puoi aiutarci a cambiare il futuro in una storia migliore.

Unisciti al nostro canale Discord e contribuisci allo sviluppo di PIVX!

Alla prossima!
PM

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: